franco

Alfa

Prova – coso 1 Euro

Da |gennaio 30th, 2014|Banners|0 Commenti|

Brevetti

BREVETTI

una vita di esperienze

di Gianfranco Pistolesi

Da |gennaio 30th, 2014|Banners|0 Commenti|

META2

 
Pala eolica – 2009

Da |gennaio 14th, 2014|Banners|0 Commenti|

Genius

Acquista subito

Da |gennaio 14th, 2014|Banners|0 Commenti|

META1

COWORKING

Da |gennaio 14th, 2014|Banners|0 Commenti|

META

COWORKING

Da |gennaio 14th, 2014|Banners|0 Commenti|

Eurosystems

Eurosystems è un’azienda giovane e dinamica con decennale esperienza in ricerca, progettazione e integrazione di sistemi per le telecomunicazioni, telecontrollo e telegestione, inclusi sistemi di teleassistenza per soggetti anziani o inabili allo svolgimento delle loro attività quotidiane. Particolare attenzione viene prestata alle attività di system-integrator rivolte ad acquisire le richieste della propria clientela e trasformarle in soluzioni operative. Tutti i prodotti vengono progettati e costruiti in Italia secondo le normative vigenti e nel rispetto delle direttive del Ministero delle comunicazioni, per una totale sicurezza da parte di chi li utilizza.

Eurosystems guarda al futuro attraverso la continua ricerca e la progettazione di prodotti innovativi, frutto anche di propri brevetti esclusivi.

Questo sito vuole essere un efficace strumento di riferimento per scegliere l’articolo che meglio risponde alle proprie esigenze, sicuri di avere di fronte una seria organizzazione che garantisce il prodotto e l’assistenza.

Da |gennaio 3rd, 2014|Banners|0 Commenti|

Organizzazione sociale

Queste sono le soluzioni per avere una società più giusta e credibile.

Allo stato attuale, le scelte collaborative (personale dipendente) sono soggette ad una serie di condizionamenti di parte che determinano le incertezze imprevedibili che quasi sempre contribuiscono a creare difficoltà di gestione dell’azienda.
Organizzazione del lavoro per il datore di lavoro:
L’impresa dovrà assumere il personale che ritiene sufficiente per i suoi impegni, sia dal punto di vista numerico, sia dal punto di vista qualitativo.
L’impresa avrà l’onere di corrispondere il salario al lavoratore, compresi gli oneri previdenziali ed assicurativi.
Nessuna liquidazione dovrà corrispondere l’impresa al lavoratore quando cessa il rapporto di collaborazione.

Assicurazione del lavoro per il lavoratore:
Il lavoratore dovrà avere la garanzia della continuità del salario anche nelle situazioni di assenza dal posto di lavoro per malattia, infortunio, maternità, mancanza di lavoro, licenziamento o altro.
L’assicurazione del lavoro sarà a copertura di tutto il periodo lavorativo e sarà organizzata come l’esempio che segue.
Es.: Se lo stipendio di un lavoratore è di 2000 euro al netto di imposte e contributi, il 10% dello stesso costituirà il premio da versare all’assicurazione/sindacato, mentre l’azienda contribuirà con la stessa cifra; ciò significa che il lavoratore percepirà 1800 euro, l’azienda pagherà 2200 euro e l’assicurazione/sindacato accantonerà 400 euro.
Se un’azienda deve licenziare per qualsiasi motivo, non avrà ostacoli.
L’assicurazione/sindacato prenderà immediatamente in carico il lavoratore corrispondendogli l’80% (1600 euro) dell’ultima retribuzione fino a quando non riuscirà a ricollocare il lavoratore in un’altra azienda.
Lo stesso trattamento può essere ipotizzato in caso di malattia.
Se il lavoratore si rifiuta di accettare il nuovo incarico, avrà diritto solo al 50% (1000 euro) dell’ultima retribuzione.

Ciò permette di dare certezze ai lavoratori e garanzie alle imprese.

L’impegno settimanale del lavoratore sarà [... CONTINUA]

RIFORMA DEL LAVORO

Lettera aperta a Monti e alla Fornero

Carissimi,
se vi siete assunti questo onere, credo che l’abbiate fatto con coscienza e conoscenza della realtà.
Certo è che se volete trafficare nei balzelli di tutti i vostri predecessori, non credo che verrete ricordati come salvatori dell’Italia e degli Italiani.
Al contrario, dovete dimenticare e far dimenticare agli Italiani il termine “PRECARIETA’ NEL MONDO DEL LAVORO”.
Per fare questo non dovete inventare nulla, il sistema esiste già.
Non dovete fare altro che far approvare una legge dal parlamento, che rende obbligatorio per tutti i lavoratori stipulare “L’ASSICURAZIONE DEL LAVORO”.
L’assicurazione del lavoro consiste nel contribuire con un premio % sullo stipendio.
a. Tutti i lavoratori versano un premio % mensile rapportato al proprio stipendio; in cambio i lavoratori hanno la certezza dello stipendio per tutto il periodo della loro età lavorativa.
b. Tutti i datori di lavoro contribuiscono con il versamento di un premio % mensile rapportato allo stipendio di ogni proprio collaboratore; in cambio i datori di lavoro hanno la garanzia di poter gestire la propria attività senza condizionamenti estranei.

Ciò comporterebbe :
1. L’eliminazione della precarietà sotto qualsiasi forma
2. Sicurezza sociale
3. Certezze economiche
4. Soluzione di tutti i problemi del mondo del lavoro dal mese successivo alla entrata in vigore di questa legge
5. Sviluppo senza limiti né condizionamenti.

E’ troppo facile ?

Carissimi,
sappiate che le cose semplici sono le più efficaci; se poi sono anche “A PROVA DI CRETINO”, allora sono il massimo.

Con stima e … rassegnazione.

Gianfranco 102201312